Percorsi: Lucio Dalla

Avatar feliceiovino | 28 Novembre 2020 42 Views 0 Likes 0 Ratings

42 Views 0 Ratings Rate it

Esordio.

Il suo esordio al Cantagiro è letteralmente traumatico. Durante le varie esibizioni, nelle quali presenta la canzone Lei (non è per me), Dalla è oggetto di lanci di ortaggi e derrate alimentari. Gino Paoli ricorderà l’accaduto in un’intervista del 1979: «Fu un fiasco di rimarchevoli proporzioni: ogni sera raccattavamo una buona dose di fischi e di pomodori, uno spettacolo nello spettacolo, che durò quanto la manifestazione. Lucio, in ogni modo, si mostrò veramente un duro e non si lasciò abbattere».

Con barba

Con mantello e coppola

Lucio Dalla si confessa

Lucio Dalla « Ma sì, è la vita che finisce / ma lui non ci pensò poi tanto, / anzi si sentiva felice / e ricominciò il suo canto… » (Lucio Dalla, Caruso) La “confessione” di Lucio dalla che ascoltiamo in questo video è una delle piu’ interessanti e commoventi che esistano ,registrate in video . Siamo nel 1980 , a Genova ,appena prima del concerto al Palasport, in una tournè che lo sta portando in giro per l’Europa e dal quale sta riscuotendo un notevole successo di pubblico , dopo un periodo poco felice… Iniziamo dal set: è estate piena ,Lucio è in canottiera e bermuda , molto coule e deconcractè ,seduto sul lavello della sua station Wagon ,malamente attrezzata a camper, mette in mostra anzi esibisce e spesso gratta la sua stupenda e naturale pelliccia di pelo nero ed irsuto, fuma con il bocchino e getta la cenere oltre una fantomatica tendina del finestrino aperto. Malgrado il caldo terrificante, Lucio ha in testa il suo immancabile zucchetto di lana bleu ,(non ha ancora adottato il suo volutamente sgangherato parrucchino color marroncino ), sorseggia del vino rosè da un bicchiere di plasica . Siamo ben lontani dagli ovattati e lussuosi camerini dei teatri televisivi La macchina – camper è per strada e dai finestrini arrivano dei rumori piu’ improbabili. Lucio va a ruota libera , parla di sè , dei suoi sentimenti ,del suo carattare narciso, dice anche di trovarsi a disagio di fronte a situazioni ufficiali e quindi dichiara il suo disagio anche al suo intervistatore, che lui definissce piu’ volte formale e che incita , senza successo, ad uscire da questa maschera di ufficialità, per mettersi in gioco , sul lalto personale . Cerca di fargli una descrizione sommaria dei suoi precedenti , perfino gli strizza spessimo gli occhi ammiccanti , si esibisce in tipici esercizi di gola di sua recente memoria e che a noi ricordano molto da vicino “Nuvolari” o piuttosto la semplice giungla …ma tutto senza successo ,rispetto al suo impassibile intervistatore ! I contenuti di questa divertente “confessione” che noi, oggi , con il senno del poi , definiamo abbastanza commovente, li lasciamo giudicare a voi . Lucio Dalla, musicista di formazione jazz, è stato uno dei più importanti, influenti e innovativi cantautori italiani di sempre[2]. Alla ricerca costante di nuovi stimoli e orizzonti, si è addentrato con curiosità ed eclettismo nei più svariati generi musicali, collaborando e duettando con molti artisti di fama nazionale e internazionale]. Autore inizialmente solo delle musiche si è riscoperto, in una fase matura, anche paroliere e autore dei suoi testi[Nell’arco della sua lunghissima carriera, che ha raggiunto i cinquant’anni di attività, ha sempre suonato da tastierista, sassofonista e clarinettista, sua grande passione fin da giovanissimo. La sua copiosa produzione artistica ha attraversato numerose fasi: dalla stagione beat alla sperimentazione ritmica e musicale, fino alla canzone d’autore, arrivando a varcare i confini dell’Opera e della musica lirica .Inoltre è stato un autore conosciuto anche all’estero ed alcune sue canzoni sono state tradotte e portate al successo in numerose lingue. Poiché il cantautore non ha lasciato testamento, la sua eredità viene divisa tra i suoi cinque cugini di primo grado, a cui spetterà anche la decisione finale sulla fondazione in suo nome. In mancanza di una precisa volontà testamentaria, Marco Alemanno, compagno di Dalla e residente nella sua stessa casa da diversi anni, non ha legalmente diritto a parte di essa, stimata approssimativamente in 100 milioni di Euro e composta da: diritti d’autore su 581 canzoni (validi fino a 70 anni dalla morte dell’autore, ovvero fino al 2082), l’abitazione di 2400 metri quadrati in via D’Azeglio 15 a Bologna (probabile sede della fondazione, se i parenti decideranno di farla), la villa in Sicilia e alle Isole Tremiti e altri beni immobili ,come l’appartamento a Urbino e alcuni terreni in Abruzzo, una barca e le quote di partecipazione di due società. In occasione del Festival teatro canzone Giorgio Gaber svoltosi nel luglio 2012 alla Cittadella del Carnevale di Viareggio, durante il quale alcuni momenti sono stati dedicati al ricordo di Lucio Dalla, le Fondazioni Gaber-De Andrè hanno promosso un appello agli eredi dello stesso Dalla, affinché al più presto si possa procedere alla costituzione della Fondazione a lui intitolata. L’appello è stato sottoscritto da oltre 80 personaggi del mondo della cultura e dello spettacolo

Lascia un commento

42 Views 0 Ratings Rate it

Written by feliceiovino


Comments

This post currently has no responses.

Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: