Ultimamente ho partecipato ad una manifestazione dove ho rincontrato un personaggio politico che ricopre un ruolo istituzionale in uno dei comuni vicini al mio. Non farò il suo nome ne metterò sue foto perché il suo motto è “purché se ne parli”, e sono certo di andare “controcorrente” perché il livello dei social è arrivato a TikTok e quindi i linguaggi e gli atteggiamenti hanno toccato fondali inesplorati, e non dubito che possa avere anche degli estimatori.
Ma sento di dover scrivere qualcosa al riguardo, perché la gente comincia a percepire il delirio di quest’uomo, come un atteggiamento normale, e non vorrei che altri organi della pubblica amministrazione lo emulassero.
La cosa che mi ha turbato del delirio di questo personaggio ( dal nomignolo profetico 🙂 ), è che ormai si lascia crescere il “baffo a spazzolino” (giuro!!!) come quello di Hitler (o Chaplin).

Nella sua schizofrenia comunicativa, spesso aiutato molto anche dal bassissimo livello di chi lo osserva (Idiocracy), vuole sottolineare la sua capacità decisionale, in materia di siepi, strisce pedonali e luci natalizie che ha lasciato accese quasi fino a Marzo, nel caso che qualcuno non le avesse notate (in barba al risparmio energetico) 🙂 , usando il suo paese per la sua propaganda demagogica, convinto che nella superficialità e nella velocità dei nuovi media nessuno mai si soffermerà ad analizzare in concreto il suo delirio, che potrà poi sempre far passare per fenomeno di colore e folklore.
Nei suoi 12000 filmatini quotidiani cerca di rendere epici il taglio di una siepe o la raccolta della spazzatura.
Qualche giorno fa era addirittura orgogliosamente a torso nudo, davanti al suo telefonino in diretta streaming mentre gli addetti svuotavano i contenitori (non andate sul suo profilo a guardarlo faremmo il suo gioco credetemi sulla parola : ) ).
Insomma ci troviamo davanti ad un mix di schizofrenia e megalomania pericolosissimo alla democrazia.
Sono certo che in ogni comune si raccoglie la spazzatura, si potano le siepi e si traccia la segnaletica stradale senza trasformare il tutto nel Circo Orfei (con tutto il rispetto per i circensi).
Qualcuno dovrebbe spiegare a questa persona che si tratta di normale amministrazione, che tutti i sindaci fanno, senza accendere il telefonino. Sembra facile ma non lo è in quanto c’è una norma infelice quanto antidemocratica l’art 57 cpp comma 1 lettera C: che sancisce: “Sono ufficiali di polizia giudiziaria i sindaci dei comuni ove non abbia sede un ufficio della polizia di Stato ovvero un comando dell’arma dei carabinieri o della guardia di finanza” .
E indovinate un po? Nel suo territorio non ci sono.
Ma un potere così, assegnato ad un organo elettivo, espone chi non l’ha votato a ritorsioni ed intimidazioni.
Così lui si fa crescere il baffetto a spazzolino e va in giro con la paletta per fare controlli e nessuno osa contraddirlo sui social perché temono la sua reazione (non troverete like da quelle parti sotto questo post).
Spero che questo Delirio finisca presto, me lo auguro per me, perché quella Demagogia e quel Populismo potrebbe sfociare in ambizioni territoriali più ampie, e me lo auguro per i suoi cittadini affinché possano ritrovare la normalità, l’umanità, la libertà e la serietà essenziale da parte di chi ricopre cariche Istituzionali in un contesto Democratico.

(mea culpa)

p.s.
1) ho cambiato la copertina con Hitler perchè un idiota l’ha condivisa per nostalgia.
2) è sconsigliabile mettere like su fb, anche se condividete il mio pensiero


Written by feliceiovino


Comments

This post currently has no responses.

Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: