‘A67 “Naples calling”

Avatar feliceiovino | 22 Giugno 2020

“Naples calling” (2019) regia Massimo Di Pinto

Naples Calling di @Massimo Di Pinto, video title track dell’ultimo album degli @’A67 di Daniele Sanzone (Full Heads – 22/1/2020), che vince il Premio per il Miglior Soggetto al Festival internazionale del film corto Tulipani di seta nera.


Gli ‘A67 originari di Scampia (rione della periferia nord di Napoli da cui provengono), meglio nota come ‘a cient’sissantasètte, dalla legge 18 aprile 1962, n. 167 per l’edilizia popolare, che ha permesso l’edificazione dell’agglomerato, diventato punto di riferimento per lo spaccio della droga e teatro della faida fra bande di camorra. Di questa situazione di degrado e delle speranze di riscatto del quartiere parla il disco ‘A camorra song’io (Polosud, 2005). L’album si avvale della collaborazione di diversi ospiti tra cui Daniele Sepe.

‘A67 Ft. Frankie HI-NRG MC – Brava gente

‘A67, ‘A camorra song’io.


Del 2006 è lo spettacolo “ALIEN’AZIONE. Dallo spazio periferico dritti al centro”, con Amnesty International e Radio Popolare, portato nelle comunità di accoglienza ogni volta con uno special guest diverso, fra cui Mauro Pagani, Francesco Moneti dei Modena City Ramblers e altri.

Del 2007 è “Voglie parlà!”, percorso di educazione alla legalità nelle scuole con Regione Campania, “Libera” e “Amnesty International”, a cui hanno partecipato anche Amato Lamberti, Nando dalla Chiesa e Roberto Saviano. Nell’estate dello stesso anno sono invitati a rappresentare l’Italia alla “Feira de Fortaleza” nel nordest del Brasile.

‘A67 – Voglie parlà

A maggio 2008 esce il secondo disco “Suburb” (Edel Records, prodotto da Polosud con Sognavento), un concept-album dedicato alle periferie del mondo che vede il coinvolgimento di numerosi ospiti italiani (fra cui Mauro Pagani, ‘O Zulù “99 Posse”, Francesco Di Bella “24 Grana”, Valeria Parrella e Roberto Saviano) e giovani band provenienti da India, Brasile, Marsiglia e Istanbul.

Nell’autunno 2008 sono invitati in Germania alla manifestazione “Progetto Periferia” presso l’università di Bochum; realizzano lo spettacolo “Generazione Suburbe” con Giancarlo De Cataldo al festival “Politicamente Scorretto” diretto da Carlo Lucarelli e successivamente a Tor Bella Monaca nel teatro diretto da Michele Placido nella periferia romana e infine all’Auditorum di Scampia, ospiti di PuntaCorsara, con la partecipazione straordinaria del rapper brasiliano Calixto dell’Orchestra do Mundo.

Nel 2009 Alfonso Muras lascia la band alla volta dell’Australia, sostituito al basso da Gianluca Ciccarelli. Il 21 marzo 2009 partecipano alla quattordicesima manifestazione nazionale di Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie “Giornata dell’impegno e della memoria” in piazza Plebiscito a Napoli assieme ai Modena City Ramblers e pubblicano la ‘canzone aperta’ sui beni confiscati: il singolo-videoclip “Io non mi sento italiano”, cover di Giorgio Gaber, a sostegno delle cooperative di Libera Terra.

Nel 2010 esce “Scampia Trip”: un progetto multimediale che smentisce i luoghi comuni e che tenta di ricostruire, attraverso la cultura, avvenire e utopie del quartiere più raccontato d’Italia. Tre diversi linguaggi: musica, letteratura e cinema che sono diventati un libro, un documentario di Luigi Pingitore e una compilation degli ‘A67 con pezzi estratti dai 2 album, un inedito e nuove versioni di “‘A67” (Reprise) e “‘A camorra song’io” feat. Francesco Moneti (M.C.R.).

Nel 2011 Andrea Verdicchio lascia la band; sono invitati al “Festival Musicando” della Libera Università di Alcatraz dove improvvisano sul palco con il premio nobel Dario Fo; realizzano in collaborazione con Edoardo Bennato il brano “Accussì va ‘o munno”, colonna sonora del film di Enrico Caria: “L’era legale” e primo singolo del terzo album della band che esce a gennaio 2012: “Naples Power” (Free-d Music/Universal). Si tratta di un disco (con in allegato un libro a cura del cantante Daniele Sanzone) che omaggia il cosiddetto Neapolitan power, in cui gli ‘A67 collaborano con diversi artisti napoletani (Edoardo Bennato, Teresa De Sio, Tullio De Piscopo, Raiz, 99 Posse, Bisca, Zezi, Nuova Compagnia di Canto Popolare, Planet Funk, Enzo Gragnaniello, James Senese, Joe Amoruso, Tony Esposito, Rino Zurzolo, Maria Pia De Vito, Brunella Selo, Pietra Montecorvino, Marcello Colasurdo) e con scrittori come: Roberto Saviano, Valeria Parrella, Peppe Lanzetta, Carlo Lucarelli, Pino Aprile, Sandro Ruotolo; la copertina di “Naples Power” è di Domenico Paladino.

«A67 significa la 167, la legge che ha originato l’edilizia popolare d’Italia e ha edificato il nostro quartiere, Scampia. Siamo nati qui. La nostra musica – chiamatela Rock, Crossover o come vi pare – è stata prima un urlo di rabbia contro tutti, poi l’urlo è diventato parola. Le parole, canzoni.» (dal sito del gruppo)

Gli ‘A67 sono un gruppo crossover rock originario di Napoli, del quartiere Scampia.

‘A67 – Accussì va ‘o munno feat. Edoardo Bennato

‘A 67 feat Zulù – Io nun tengo ‘o nomme

Testo:
Perso dinto ‘e penziere di ieri
cerco ‘e capì chi era chell’ombra
che curreva senza vedé e senza sapé
e che mai si è trovata dinto ‘e panne ‘e chi è stata
cercanno sempe ‘a voce
‘e ogni azione e cu’ ll’uocchie chiuse
jeattati dinto a nu munno ca nun ha scigliuto
e senza truvà pace cumbattenno primma
Cu’ mme e po’ cu’ llate

DIMM QUAL È ‘O JUORNO
DIMM ADDÒ STA ‘O SCUORNO
IO NUN TENGO ‘O NOMME
MA CUNOSCO ‘O MBRUOGLIO

Nguollo tengo ‘o scuorno ‘e chi nun crede
pecché ha cunusciuto chello ca ‘a ggente nun vede
ma dimmi chi è ‘o masto ‘e ‘stu mestiere
arravogliato dinto ‘e maglie ‘e nu sistema
ca nun m’appartene me rosico ‘a vita e spero
pe’ ‘na vita cchiù overa cercanno ‘e nun me fa scagnà
‘e penzieri ‘e chi vede e chi nun crede
chi sente e chi nun crede

DIMM QUAL È ‘O JUORNO
DIMM ADDÒ STA ‘O SCUORNO
IO NUN TENGO ‘O NOMME
MA CUNOSCO ‘O MBRUOGLIO

‘n ommo è sempe ‘n ommo cu ‘o nomme o senza nomme
ma ‘n ommo senza nomme nun è ommo dice l’ommo cu ‘o nomme
‘o nomme ‘o nomme
comme si l’ommo fosse ‘o nomme ma no-men
‘o nomme senza n’ommo è sulo nu nomme
e si’ l’ommo senza nomme è poca cosa
e nun se da’ pace pe’ tutta ‘a fetente d’ ‘a vita soja merdosa
l’ommo cu ‘o nomme s’arreposa sta tranquillo tant’ isso tene ‘o nomme
‘o nomme ‘o nomme
e cchiù ‘o nomme se fa gruosso cchiù assaje se magna l’ommo
e affinale già saje
rimmane sulo ‘o nomme senza l’ommo e addeventa
nu nomme comune di cosa
comme samenta
cantero pivezo favezo stuppolo chiaveca cesso latrina
accussì senza rima sticazze
ha parlato ‘on gennarino T.A.F.K.A.Z faje tu
the artist formally known as Zulù
‘o nomme ‘e ‘n ommo senza nomme ca però s’ha fatto ‘o nomme ‘a sulo ‘a sulo ‘a sulo

DIMM QUAL È ‘O JUORNO
DIMM ADDÒ STA ‘O SCUORNO
IO NUN TENGO ‘O NOMME
MA CUNOSCO ‘O MBRUOGLIO


Written by feliceiovino


Comments

This post currently has no responses.

Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: