Mani pulite quasi 30 anni dopo, Di Pietro e gli altri

Avatar feliceiovino | 29 Gennaio 2020 11 Views 0 Likes 0 Ratings

11 Views 0 Ratings Rate it

Li ricordo quei tempi, e ricordo esattamente la sensazione di grande liberazione che ho provato. Eravamo e siamo un paese corrotto, ma all’epoca si poteva vedere ad occhio nudo. Quell’atteggiamento era la normalità, e la vera anomalia era rappresentata da quel magistrato contadino che si veste da fesso e aggiunge “scarpe grosse e cervello fino”, ignorando forse molti fattori che hanno giocato a suo favore nella sua inchiesta. Ma questa è un altra storia.
Sta di fatto che dopo anni di razzie, finalmente quella corruzione era stata portata alla luce.
Al Sud la percezione dell’assalto alla diligenza di quella classe politica era palesemente visibile ogni volta che c’era un bottino pubblico da spartirsi. c’era una terribile commistione tra la politica e la criminalità organizzata dell’epoca.
Non salvavano nemmeno le apparenze, consapevoli che quel mix di ostentazione di potere, ricchezza e intimazione al voto, portava al successo elettorale, quindi altre scorpacciate di soldi pubblici.
Ed infatti i soldi a pioggia cadevano su tutti quelli che in qualche modo partecipavano al banchetto (il terremoto dell’Irpinia non era molto lontano), nullafacenti costruivano le proprie ville, ed andavano in giro con macchine lussuose, nessuno li controllava. Le faide erano continue sulle carcasse che cadevano dall’alto già mezze spolpate dalla politica.
Intorno ad esse vigeva la legge del più forte, ogni clan cercava di accaparrarsi il pezzo più succulento e carnoso e nessuno osava protestare, chi lo faceva veniva ucciso. Questa è la fottuta storia che non vi racconta nessuno, perché è rimasto tutto così com’era. La storia della Prima Repubblica non è stata ancora raccontata perché non è mai finita. Sono solo cambiati i soggetti ed i metodi ma la sostanza è rimasta la stessa: corruzione, corruzione, corruzione.
Anzi questo breve sprazzo di luce nella storia Repubblicana era probabilmente fortemente voluto da chi la tramava da troppo tempo: la P2 e le mafie hanno scritto la storia successiva che ci porta fino ad oggi, cancellando una classe politica figlia di quella Costituente, che aveva dilapidato tutto il patrimonio di principi etici dei padri fondatori a favore dei propri conti correnti aperti nei paradisi fiscali. Quel sistema smantellato apparentemente da Di Pietro, ha lasciato in eredità attraverso le sue clientele una rete impenetrabile di cellule dormienti nei punti chiave della società.
Sono loro (dirigenti, funzionari, giornalisti) parte dell’ establishment, che tengono in equilibrio un sistema che dona loro grandi privilegi, riportandolo sempre al punto di partenza, tra le mani di quelli che possono garantire la stabilità del loro Status.
Finché questa rete rimarrà in piedi nessuna rivoluzione sarà possibile nel nostro paese.
Chi vorrà farlo non dovrà mai fare alleanze con nessuno di loro.

Mentre vi scrivo nelle sale cinematografiche viene proiettato Hammamet, un film che cerca in qualche modo di descrivere la figura di Craxi durante l’esilio-latitanza nella sua villa costruita in Tunisia, che lo vedrà morire nel giro di pochi anni,


Al momento della morte Craxi aveva collezionato due condanne definitive (5 anni e 6 mesi per corruzione nell’inchiesta Eni-SAI, 4 anni e 6 mesi per finanziamento illecito della Metropolitana Milanese) .

Benedetto Craxi Il testamento inedito

MONTANELLI TANGENTOPOLI


11 Views 0 Ratings Rate it

Written by feliceiovino


Comments

This post currently has no responses.

Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: