Sólstafir – Fjara (Official Music Video)

Video molto bello

La concettualizzazione per il video è iniziata nel luglio del 2011 e ha iniziato la produzione a fine settembre. La storia segue una giovane donna che porta un fardello difficile e doloroso, trascinando ossessivamente dietro di sé una grande bara di legno. Le sue intenzioni sono incerte, mentre incontra quattro spiriti lungo la strada – la Terra, il Deserto, gli Illuminati e i Devoti – come fari che guidano il suo cammino. Lo scopo finale del suo viaggio si rivela lentamente attraverso i suoi incontri con questi spiriti.

Il ruolo principale è stato volentieri assegnato a Rebekka Kolbeinsdóttir, un’attrice di eccezionale talento e musicista versatile. L’entusiasmo e l’impegno di Rebekka per il progetto sono stati immediatamente evidenti e non c’è dubbio che “Fjara” sarebbe un video completamente diverso se non fosse stata coinvolta. Indossare un abito da sposa sottile a metà novembre, a piedi nudi, tirare una bara quasi il doppio del peso attraverso il deserto islandese non è un compito facile.

L’intento originale era di girare il video e completarlo prima che “Svartir Sandar” fosse pubblicato il 14 ottobre, ma a causa della crescente complessità di queste ultime scene, del considerevole tempo necessario per la postproduzione e di alcuni dei periodi più terribili e spiacevoli finora quel mese “Fjara” non fu completato fino all’inizio di gennaio. Per fortuna, abbiamo avuto il privilegio di lavorare con i membri estremamente entusiasti di Sólstafir, che sono sempre rimasti diversi passi avanti per assicurare che la produzione procedesse senza intoppi. Kolla Jónsdóttir ha prestato generosamente il suo tempo e la sua esperienza nella progettazione dei costumi e nel trucco, e Jakob Veigar Sigurðsson ha aiutato a trovare luoghi fantastici e assicurarsi che la squadra avesse dei posti dove stare.

Le riprese sono terminate a fine novembre, in una domenica mattina particolarmente memorabile e insolita. Con solo l’ultimo colpo rimasto, l’equipaggio arrivò alla cascata di Skógafoss all’alba. Nel corso dell’ora successiva, la bara di legno da 70 kg fu portata in cima alla cascata, fissata con galleggiamento e una piccola videocamera impermeabile ContourHD, e accuratamente abbassata nell’acqua corrente. Con solo un cordino elastico e una corda legati intorno alla sua vita, il batterista dei Sólstafir Guðmundur Óli Pálmason, si avventò nell’acqua e tirò la bara al centro del torrente, a pochi metri dal bordo delle cascate. Fu citato in quel momento, dicendo “Non sono davvero nervoso per andare oltre, sono solo pronto a sbarazzarmi di questa cosa!”

Dopo quasi un’altra ora di preparazione e accurati aggiustamenti a metà flusso, la bara finalmente raggiunse il bordo di Skógafoss e precipitò in modo spettacolare verso il basso fino alla sua fine esplosiva. Con sorpresa di tutti, la macchina fotografica che avevamo attaccato alla bara è stata recuperata con successo ed è l’ultima foto ad apparire nel video.

I registi e la band desiderano ringraziare tutti coloro che sono stati coinvolti nella produzione di “Fjara” e spero che vi piacerà!

Leave Your Comment

Your email address will not be published.*