In pensione a 50 anni. Il sottosegretario di Renzi

image

You must need to login..!

Description

Massimo Cassano, il sottosegretario di Renzi in pensione a 50 anni

Mentre “l’allegra macchina da guerra” della casta, pompa a tutta birra cazzate nel cervello degli italiani, non ultima che Di Battista (M5S) è un terrorista, la banda bassotti che abbiamo piazzato alle casse del nostro paese, si è ringalluzzita ed è più attiva che mai, ed ha pure perso tutti freni inibitori di qualche tempo fa.
Renzi ha raccolto il frutto di mesi e mesi di attività incessante dei mezzi di comunicazione italiani, oramai a reti unificate, contro chiunque osasse mettere in discussione i privilegi di politici, banchieri e giornalisti, o provasse a dare un altra vision della nostra società, che non sia quella di lasciarla al suo destino cambiando Paese.
Sta di fatto che molte delle riforme renziane, hanno un unico comune denominatore: blindano definitivamente la casta ed i suoi privilegi. Non c’è da stupirsi, sta mettendo in pratica il patto del Nazareno (gli incontri segreti con Berlusconi), che è una trascrizione moderna del Piano di rinascita democratica.
Del resto Renzi ci ha abituati a questo stretto connubio con il caimano, da tempi non sospetti, dai tempi in cui il Pd gridava allo scandalo per i conflitti di interesse, per i processi pendenti sul capo di mr bungabunga, per i suoi rapporti con la mafia, per le prescrizioni raccapriccianti, per le leggi ad personam.
Oggi questi problemi il PD non se li fa più, e come quando ci diceva che il conflitto di interesse era fuori moda (invece faceva ridere il mondo), oggi è tornato di moda l’arrembaggio alle casse pubbliche, le posizioni di privilegio.
Così le vere riforme che andavano fatte, se non le uniche, ma necessariamente le prime, per dare un senso ai sacrifici chiesti agli italiani, erano sicuramente l’abolizione di privilegi per la politica.
Invece a quanto pare proprio quelli non sono stati nemmeno sfiorati.
Così, Massimo Cassano, il sottosegretario di Renzi va in pensione a 50 anni, con poco più di 7 anni di contributi versati da consigliere regionale della Puglia.
Verserà la differenza per arrivare a 8 anni ed avrà diritto a 5618 euro al mese.

feliceiovino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *